Foto di archivio

(red.) La battuta di caccia di mercoledì 25 ottobre che ha impegnato numerosi appassionati, ha anche coinvolto i carabinieri forestali di Brescia nell’ambito di una nuova operazione contro il bracconaggio. Dopo il caso di Montichiari, con un cacciatore beccato a fare incetta di prede pur senza avere la licenza, sono state denunciate altre quattro persone.

L’intervento più degno di nota arriva da Pertica Bassa, in Valsabbia, sotto la Corna Blacca, dove i forestali di Gardone Valtrompia e Borno hanno denunciato in flagrante per furto venatorio un residente. Aveva piazzato un roccolo abusivo nell’oasi protetta, mentre i militari da tempo tenevano controllato l’uomo. Nell’arco di un paio di ore di lavoro, le forze dell’ordine hanno sequestrato undici reti per 180 metri e diversi uccelli vivi usati come richiami, ma non cacciabili e poi liberati nella natura.

Comments

comments