Foto di archivio

(red.) Prima un 82enne a Polaveno e poche ore dopo un 80enne a Passirano. Sono i due cacciatori che mercoledì mattina 25 ottobre sono stati stroncati da un malore mentre erano impegnati nella battuta venatoria nel bresciano. Il primo episodio si è verificato intorno alle 9 quando Francesco Boventi di Monticelli Brusati con un parente stava conducendo l’attività di caccia. A un certo punto, probabilmente a causa dello stato di malessere che lo aveva già coinvolto in precedenza, l’anziano ha avuto un malore ed è svenuto a terra.

Il parente che era con lui non ha potuto fare altro che allertare i soccorsi, poi giunti sul posto in elicottero. Ma per l’82enne, che risultava essere cardiopatico, ormai non c’era più nulla da fare. Del caso si sono occupati i carabinieri della compagnia di Gardone Valtrompia. L’altro episodio ha coinvolto Angelo Simonini, di 80 anni, che stava praticando la disciplina venatoria tra i boschi di Passirano.

Da solo aveva raggiunto il proprio capanno e quando la moglie a un certo orario non l’aveva visto rientrare come di consueto, ha chiesto aiuto a un parente. Quest’ultimo, raggiungendo la postazione del cacciatore, ha dovuto aprire la porta del capanno chiusa dall’interno e ha trovato l’anziano a terra. Era stato stroncato da un malore come poi hanno accertato i carabinieri.

Comments

comments