(red.) E’ stata una giornata importante per la provincia di Brescia quella di mercoledì 25 ottobre al Pirellone dove è stato firmato un accordo che finanzia con 15 milioni di euro le funzione delegate dalla Regione alle aree vaste. Brescia incassa 5,2 milioni su competenze di Palazzo Lombardia ma che vengono destinati agli enti locali perché operativi direttamente sul territorio.

E non è tutto, perché il presidente della Provincia bresciana Pier Luigi Mottinelli, a capo anche dell’Unione Province Lombarde, ha accettato la proposta del governatore Roberto Maroni di rappresentare la regione a Roma.

L’obiettivo è il primo confronto con palazzo Chigi dopo il referendum consultivo per l’autonomia e per trattare con il Governo le competenze da lasciare alla Regione. Mottinelli ha anche sottolineato che, in rapporti tra la Lombardia e gli enti locali, il Pirellone si impegnerà a finanziare ancora di più i trasporti pubblici e nelle agenzie del Tpl.

Comments

comments