(red.) Nei giorni precedenti a mercoledì 25 ottobre alcune zone delle vie del centro storico di Brescia sono state teatro di vari scippi. Uno di questi è avvenuto in via Togni, vicino alla stazione ferroviaria, dove una ragazza moldava di 15 anni, mentre stava conversando al cellulare, si è vista avventare un magrebino che le ha strappato lo smartphone di mano.

La giovane colta alla sprovvista ha cercato di inseguire il malvivente che intanto fuggiva a piedi, ma per lei non è rimasto altro da fare che denunciare l’episodio ai carabinieri. Il malvivente resta ricercato. Il secondo caso, stavolta in via Battaglie, nel quartiere Carmine, ha coinvolto un ghanese che si è visto portare via il cellulare da un senegalese.

Il derubato ha quindi allertato le forze dell’ordine per chiedere aiuto dopo quello scippo. D’intesa con i militari, l’uomo è poi riuscito a identificare il ladro in un bar: addosso aveva ancora il telefonino depredato. Quindi per lui è scattato il trasferimento in caserma per tutte le conseguenze del caso.

Comments

comments

7 Commenti

  1. “Tutti questi stranieri invasori che vengono a delinquere, nelle nostre regioni……….”
    Ecco, appunto, già abbiamo i politici nostrani, più uno stuolo di delinquenti comuni italiani…….proprio non abbiamo bisogno di delinquenti STRANIERI.
    Bastano e avanzano i nostri, di delinquenti…….

  2. Tutti questi stranieri invasori che vengono a delinquere, nelle nostre regioni, come la Lombardia ed il Veneto, che altrimenti sarebbero ricche, tranquille, oneste.

    Dobbiamo avere governanti nostri, espressione dei nostri valori e delle nostre tradizioni, per contenere l’invasione.

    Governatori come Formigoni o Galan, per esempio…..

    • Basta tornare indietro di 20-30 anni, quando gli stranieri si contavano sulla punta delle dita, per rendersi conto della differenza. Lei carlos ha vissuto in quegli anni?
      Formigoni e Galan c’entrano come i cavoli a merenda.

      • 20-30 anni fa ? Quando é nata la Lega intende? Allora se la prendevano con i meridionali e dicevano su di loro le stesse cose che ora dicono degli stranieri.

        SIa Formigoni che Galan sono frutto di quella stagione politica.

        Difendiamoci dall’invasore straniero !
        Vogliamo i nostri ladroni !

      • Non si preoccupi Juco, è tipico di Carlos, come della sinistra in genere, urlare alla pagliuzza per distogliere lo sguardo dalla trave.
        Sì, i due nomi, per quanto esecrandi, non hanno nulla a che vedere con il tema, prova ulteriore che si tratta solo di astio politico, altrimenti avrebbe postato anche nomi di esponenti di altri partiti, dove per altro è disponibile una vastissima scelta.

        L’immenso problema sociale causato dall’immigrazione selvaggia e fuori controllo, oltre che incentivata per i noti loschi traffici, è sapientemente tenuto fuori dalle cronache grazie ai compiacenti media di regime, ma le notizie sono come l’acqua, che non la puoi fermare con le mani.

        ►Vale quindi la pena ogni tanto di rinfrescare la memoria. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/

  3. Brescia è stracolma di stranieri…..ne vedi ovunque.
    Sono troppi, ben oltre il numero accettabile. Questo crea un sacco di problemi.
    Lo sanno bene i nostri politicanti, che pensano di risolvere il problema trasformando magicamente gli stranieri in italiani a colpi di Jus soli e Jus culturae…….così poi il numero di stranieri calerà, mentre quello degli italiani salirà!! FERMIAMOLI.