(red.) Nella tarda serata di domenica 22 ottobre l’elicottero dall’ospedale Civile di Brescia e abilitato ai voli notturni si è dovuto muovere verso Serle, in Valsabbia, dopo che un ragazzo aveva chiesto i soccorsi al 112. Il giovane, di 24 anni, poco prima delle 23 ha lanciato l’allarme al numero unico di emergenza dopo aver detto di essere caduto in una scarpata tra i boschi vicini alla provinciale 41 e non lontano da una pista da motocross.

Ha detto di aver anche riportato una ferita alla gamba che gli impediva di muoversi e di poter raggiungere posti vicini per identificare la posizione che non riconosceva. Di conseguenza, oltre al velivolo, si sono mossi i vigili del fuoco, il Nucleo Speleo Alpino Fluviale di Brescia, i carabinieri, un’ambulanza, l’automedica e i tecnici del Soccorso alpino.

Il ragazzo in qualche modo è riuscito a mostrare la propria posizione accendendo la luce del cellulare. Quindi è stato recuperato con il verricello, stabilizzato e condotto in codice giallo al Civile dove le sue condizioni non sono preoccupanti. L’intervento si è concluso a notte fonda.

Comments

comments