(red.) Nell’arco di pochi giorni, in quelli precedenti a sabato 21 ottobre, gli agenti della polizia locale di Palazzolo sono stati impegnati in una serie di interventi di contrasto ai furti e allo spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio comunale bresciano. Due operazioni li hanno visti impiegati solo giovedì 19. Due tunisini di 28 e 37 anni, per esempio, sono stati fermati nel primo pomeriggio a bordo di un’auto Lancia Y intestata a una 43enne italiana del paese.

Durante un controllo, si è scoperto che il conducente non aveva la patente e quindi il veicolo è stato posto in fermo per tre mesi, oltre a una multa di 5 mila euro per l’autista. Il passeggero, invece, è stato portato nella caserma dei carabinieri di Chiari perché senza documenti. E’ stato identificato come una persona con precedenti per spaccio, mentre si valuta se sia regolare in Italia. Nella seconda operazione, i vigili hanno dovuto inseguire una Fiat Punto in via Gavazzolo dopo che le telecamere avevano letto la targa e segnalando che la vettura risultava rubata a Bergamo.

Poco prima delle 19 hanno fermato la vettura in via Europa trovando a bordo due persone. Erano due 65enni italiani pluripregiudicati e residenti a Bergamo. Tra l’altro, il conducente era in affidamento ai servizi sociali e la notte sarebbe dovuto tornare nel carcere orobico. A bordo della vettura durante la perquisizione sono stati trovati una pistola finta, cappellini, sciarpe, guanti e altri materiali tutti sequestrati. I due hanno quindi incassato una denuncia per porto abusivo di armi e ricettazione. In tono minore, anche due arresti per spaccio in via Sarioletto, altri due per piante di marijuana e furti tra San Giuseppe e San Pancrazio.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. 1) Lo straniero che guida senza patente…..un grande classico!!! Ce ne sono in giro un’infinità…..soprattutto da quando i nostri simpatici governanti hanno tolto la “guida senza patente” dal Codice Penale.
    Non si va più un galera….ma si paga solo una multa. Costoro dichiarano di non possedere nulla, dunque non pagano nessuna multa!!!

    2) il secondo tunisino…..”è stato identificato come una persona con precedenti per spaccio, mentre si valuta se sia regolare in Italia”.
    Si valuta????….uno straniero con “precedenti per spaccio” non dovrebbe MAI essere regolare in Italia. Mai.
    Uno straniero arrestato per spaccio di droga va ESPULSO….va espulso la PRIMA VOLTA. Finiamola per favore, con questi stranieri arrestati più volte, già noti alle Forze dell’ordine, pluripregiudicati, ecc.
    Non ci deve essere posto in Italia per queste persone.