(red.) Martedì 17 ottobre a Palazzolo, nel bresciano, i carabinieri locali hanno arrestato un 57enne del posto e un 22enne di Erbusco che collaboravano tra loro nella coltivazione di piante di marijuana, estrazione e confezionamento. I militari, con la polizia locale e i volontari, hanno perquisito l’abitazione del 57enne in via Verdi che nel giardino di casa aveva cinque piante di cannabis da oltre 2,5 metri di altezza.

In qualche modo il padrone era riuscito a tenerle nascoste dietro il muro della sua abitazione e alberi di tigli del vicino oratorio. In effetti, l’intervento delle forze dell’ordine è scattato proprio dopo varie segnalazioni dai ragazzini del centro di aggregazione e che notavano uno strano odore mentre giocavano. Nel momento in cui il padrone di casa si è giustificato dicendo che la coltivazione era del complice, l’attenzione è passata anche a Erbusco.

In casa del 22enne hanno trovato 8 grammi di marijuana in un barattolo e gli attrezzi per pesare e confezionare le dosi. I due, entrambi incensurati e disoccupati, sono finiti in manette e rimessi in libertà in attesa del processo a dicembre. Le piante coltivate avrebbero potuto produrre marijuana in quantità tali da generare numerosi guadagni per i due.

Comments

comments