di Sandra Perini
La Naturopatia è un insieme di discipline olistiche complementari che si occupano dello stato di salute della persona attraverso una valutazione energetica e funzionale. Essa attiva la forza di autoguarigione insita nella persona e la sua capacità di autoregolazioneutilizzando metodiche e rimedi naturali. Opera nell’ambito della prevenzione attraverso la disintossicazione a livello fisico ed emotivo, mentale ed energetico. Non si sostituisce ad un parere medico anzi in molti casi il Naturopata collabora con il medico promuovendo anche il percorso di consapevolezza della persona.

La qualità dell’aria è peggiorata in maniera drammatica negli ultimi anni: la cronaca quotidiana ci segnala continuamente, anche a Brescia, la presenza di questa grave situazione che minaccia la salute delle persone. Le polveri sottili e ultrasottili derivanti dagli scarichi degli autoveicoli, dalla combustione prodotta dagli impianti di riscaldamento, rappresentano gli inquinanti maggiormente pericolosi perché appunto essendo sottili hanno la capacità di penetrare profondamente nei polmoni e nel sangue. L’esposizione continua a questi agenti chimici tossici è correlato alla manifestazione o al peggioramento di patologie acute e croniche del tratto respiratorio e cardiovascolare oltre che essere associate all’aumento delle allergie, dello stress ossidativo, dei problemi di infertilità e menopausa precoce.

Confidando nell’attuazione di manovre politiche che possano trattare concretamente la fonte del problema, nel nostro piccolo possiamo attivare alcuni comportamenti che possono aiutarci:

Ridurre l’inquinamento entro le mura domestiche con la diffusione di oli essenziali balsamici e disinfettanti come il pino silvestre, il mirto rosso, il limone, il ginepro. Una ulteriore strategia è adornare le stanze con le piante ornamentali antismog come la Sanseveria, il Ficus, L’Edera, la Gerbera, il Potos.

Nutrirsi di cibi antiossidanti: Il cibo per eccellenza antiossidante e preventivo per le patologie severe sono i vegetali a foglia verde come i cavoli, i broccoli, il cavolo cappuccio, la verza, il cavolo rosso, i cavolini di bruxelles. Questi vegetali hanno la proprietà di detossificare l’organismo dagli inquinanti e contrastare il danno ossidativo oltre che rafforzare il sistema immunitario.

Apporto adeguato di Vitamine: il noto complesso vitaminico A-C-E riconosciuto come potente antiossidante contro i radicali liberi, lo Zinco e il Selenio. Una sana e varia alimentazione fornisce naturalmente queste vitamine: la vitamina C la troviamo negli agrumi, nel Kiwi, nelle fragole e nei peperoni. Gli oli vegetali, le uova, i semi di girasole, le mandorle, i cereali integrali sono ricchi di vitamine E. La vitamina A nelle verdure a foglia verde, nelle carote, nelle ciliegie, nelle prugne. 

Sandra Perini, naturopata, aromaterapeuta e psicoterapeuta, lavora a Brescia. Visita il suo sito e segui le sue conferenze. 

Leggi anche Aromaterapia contro i malanni dell’autunno

Comments

comments

4 Commenti

  1. Oli essenziali diffusi nell’ambiente, vegetali a foglia verde e vitamine ? Nel frattempo, a Brescia, sistema respiratorio, immunitario e cardiovascolare sono sempre più in “ostaggio” o di scelte deliranti o di non-scelte delle Amministrazioni Pubbliche succedutesi dal dopoguerra ad oggi in tema di tutela del’ambiente di sostenibilità ambientale. E girare pagina è e sarà sempre più drammaticamente difficile…

  2. Ormai siamo al limite sell’assurdo, anzi…. direi superato alla grande.

    Per ovviare all’innevitabile i “dotti” ci suggeriscono di mangiare foglie verdi.

    Mi ricorda il film ” K 19″ quello con Harrison Ford, di quando, dopo una perdita di radiazioni dal reattore, i “dotti” russi consigliavano di somministrare doppia razione di vino rosso all’equipaggio che ne annullava tutti gli effetti.

    Oppure…

    Classe italiana Operaia anni 70/80, quando i poveri sfortunati a contatto con polveri derivanti da taglio o da levigazione, i “dotti” consigliavano alle aziende di dare del latte mentre svolgevano tale lavoro, dal momento che neutralizzava gli effetti malefici delle polveri.

    Vedete… ad ogni situazione c’e’ sempre la medicina giusta; all’anno DOMINI 16.10.2017, due foglie di insalata e una tazzina di te verde…. evvia… si riparte.

  3. Ci sarebbe un quarto “ingrediente”….il migliore: smetterla di bruciare i rifiuti degli altri nel mega inceneritore A2a di quartiere Lamarmora.
    Così facendo, l’aria che noi e i nostri figli respiriamo tutti i santi giorni sarebbe molto meno inquinata…..ma nelle tasche degli azionisti (e degli amministratori) A2a entrerebbero meno soldi.
    Evidentemente per i nostri politicanti conta più il DENARO della salute dei cittadini bresciani.

  4. .
    Non ho pregiudizi nei confronti di naturopati e aromaterapeuti.
    Mi limito a constatare, empiricamente, il mancato effetto benefico dei “consigliati vegetali antiossidanti a foglia verde” dovuto alla necessità di arieggiare il micro ambiente domestico dopo il loro consumo (con conseguente ingresso di pm10 e polveri sottili).