Foto da Bresciaoggi

(red.) L’immagine è struggente: una gamba e un braccio dilaniati e strappati dal funzionamento della trebbiatrice. E’ il risultato dell’incidente avvenuto giovedì pomeriggio 12 ottobre in via Dossi a Piancamuno, nel bresciano. Carolino Mazzucchelli, 61 anni e dipendente dell’Archeopark di Darfo Boario Terme, lotta tra la vita e la morte all’ospedale Civile di Brescia. I carabinieri di Artogne, con l’Ats della Montagna, hanno ricostruito quanto successo nel campo mentre era in azione il mezzo agricolo.

Sembra che il cacciatore, a piedi nel campo di granoturco e di proprietà dell’azienda agricola Pé, fosse accovacciato per non farsi vedere dalla preda che avrebbe colpito con il suo fucile. Si sarebbe anche messo i tappi nelle orecchie per evitare di sentire il rumore degli spari. Ma quella precauzione ha avuto l’esito opposto. In quei minuti, infatti, un uomo alla guida della trebbiatrice era impegnato al lavoro nel terreno. Si è accorto di aver investito il 61enne solo quando ha notato che il mezzo si era bloccato.

Scendendo dall’abitacolo, è stato scosso dalla scena che gli si presentava davanti e ha allertato i soccorsi. Lo stesso conducente del mezzo agricolo è stato portato in ospedale a Esine a causa di un malore e poi dimesso in serata. E’ in condizioni disperate al Civile, invece, dove è stato trasportato in codice rosso in elicottero da Sondrio, il cacciatore travolto dagli ingranaggi e dalle lame del veicolo agricolo.

Comments

comments