Quanto sta avvenendo in queste ore all’interno dell’amministrazione comunale di Desenzano con le dimissioni presentate dal sindaco Malinverno, trovatosi in contrasto con alcuni membri della sua maggioranza, evidenzia ancora una volta e in maniera evidente come l’attuale sistema dei partiti italiani sia bloccato in una logica da prima repubblica che porta alla creazione di cartelli elettorali disomogenei e non accumunati da principi e progetti amministrativi comuni. I nostri comuni pagano sulla loro pelle le mancanze dei partiti e dei loro esponenti, capaci in campagna elettorale di presentare lunghi elenchi di promesse e impegni ma nella realtà alla costante ricerca di poltrone ed incarichi anche a costo di costruire alleanze basate sul mero calcolo dei potenziali voti e non sulle reali affinità politiche e progetti amministrativi condivisi.

I cittadini di Desenzano si trovano a loro malgrado a subire tutto questo, anche a causa della presenza nelle amministrazioni locali di personaggi politicamente logori che si muovono nel totale disinteresse del bene comune. Grande Nord si augura che i desenzanesi possano presto tornare ad avere un’amministrazione seria e non succube delle segreterie dei partiti che possa realmente rispondere ai bisogni dei cittadini.

Fabio Toffa, riferimento territoriale Brescia

Comments

comments