(red.) Ancora un’edizione spettacolare per la prestigiosa gara internazionale MTB. A Iseo si sono schierati alla partenza quasi 1.500 atleti. Vittoria bis del francese Stephan Tempier. Tra le Donne trionfa Maria Cristina Nisi.

Ad un anno di distanza è ancora il francese Stephan Tempier a vincere la GimondiBike Internazionale e a regalare un’altra grande soddisfazione a Felice Gimondi, presidente della sua società, la Bianchi Countervail. “Una vittoria ancora più bella rispetto a quella di un anno fa”, amette il vincitore dopo l’arrivo. “Perché lo scorso anno avevo una grande gamba, quest’anno arrivavo invece da un periodo di influenza e non mi sentivo al top, ma sono contento per questa vittoria, per me e pe la squadra, così chiudiamo bene la stagione”.

Hanno completato il podio maschile assoluto l’altoatesino Fabian Rabensteiner (Team Trek – Selle San Marco), che ha provato a tenere botta al francese fin sull’ultima salita, e terzo Michele Casagrande (Team Damil – GT Trevisan).

In campo femminile vittoria della toscana e campionessa italiana Marathon Maria Cristina Nisi (Bike Innovation) che nel finale ha staccato tutte le avversarie, releando in seconda posizione la bergamasca Chiara Teocchi (Bianchi Countervail) e al terzo posto la bolzanina Lisa Rabensteiner (Focus UCI Elite Team).

Sono quasi 1.500 i biker che si schierano alla partenza della diciassettesima edizione della GimondiBike e che invadono Iseo (Brescia) ed i sentieri della Franciacorta e le rive del lago d’Iseo. Regia organizzativa della Gimasport con il supporto della famiglia Nulli e del Gruppo Nulli, main sponsor dell’evento.

Il tracciato è quello ormai classico e collaudato di 40,5 chilometri. La pioggia delle prime ore del mattino ha lasciato spazio al sole che puntuale è arrivato a baciare la partenza della manifestazione e ad accompagnare gli applausi del numeroso e caloroso pubblico assiepato dietro le transenne in viale Repubblica a Iseo. In prima linea c’è, come sempre, anche il campione Felice Gimondi, mentre il via ufficiale è dato dal sindaco di Iseo Riccardo Venchiarutti.

Comments

comments