(red.) L’eccessiva concorrenza tra centri commerciali nel bresciano, soprattutto se a distanza di pochi chilometri l’uno dall’altro, sta iniziando a sentirsi. E il colpo finale è stato assestato dall’apertura di Elnòs Shopping di Ikea a Roncadelle, che tra sabato 23 e domenica 24 settembre celebra un anno e contando su 8,3 milioni di visitatori in dodici mesi. Così succede che dopo i negozi dei centri storici, a partire da Brescia, cala la scure anche su quelli nei grandi complessi commerciali.

A farne le spese è soprattutto il Freccia Rossa, a due passi dalla stazione ferroviaria di Brescia e non lontano dal centro, che ha visto il 2016 chiudersi con un calo di oltre 3% dei clienti. Il 2017 per il centro commerciale cittadino si è aperto nel peggiore dei modi, con il 10% in meno di visitatori al mese e nonostante la politica degli affitti bassi disposta dalla direzione per non chiudere le attività. Invece, come scrive il Corriere della Sera, sono 12 i negozi che al Freccia Rossa sono stati chiusi e non ancora sostituiti da altri. Mentre altri tre sono destinati ad abbassare le serrande nei mesi successivi.

I disagi riguardano anche l’area del cibo, tanto che hanno chiuso i battenti il 100 Montaditos, l’Antica Locanda del Gusto, Universo Vegano e Alice Pizza. In compenso, arriverà un locale per i panzerotti. Chiusi anche il Rosso Garibaldi di telefonia, Desigual, Imperial Fashion, Promod, Jeckerson Jeans, Nucleo, Equivalenza e Via Maestra. Nei mesi successivi, secondo quanto risulta al Corsera, chiuderanno anche Zara Home, Stradivarius e Oysho. Mentre Zara e Bershka rimangono aperti e il personale dai negozi di abbigliamento che abbasseranno le serrande sarà destinato tra il centro storico ed Elnòs.

Comments

comments

2 Commenti