(red.) Non ce l’ha fatta il 70enne che martedì 5 settembre venne investito in bicicletta da un’auto all’incrocio tra via Caduti del Lavoro e Colombo in città a Brescia. Giancarlo Silvestri, questo il nome della vittima, è morto esattamente a una settimana di distanza, martedì 12, in terapia intensiva alla Poliambulanza di Brescia. L’anziano la mattina dell’incidente era uscito sulla due ruote e con tanto di caschetto in testa per muoversi in tranquillità.

Ma durante la passeggiata venne travolto da una Citroen condotta da un 45enne che procedeva sulla stessa via nel senso opposto all’anziano e stava per svoltare in via Colombo. Inizialmente gli elementi non facevano pensare a un dramma così grave, visto che il ciclista caduto era comunque rimasto nelle vicinanze della bicicletta e sulla vettura non c’erano segni dello scontro. Mentre a terra non c’erano tracce di frenata.

Ma il 70enne si presentava subito in gravi condizioni, tanto da attivare i soccorsi che lo avevano condotto all’ospedale bresciano. In seguito la polizia locale ha ricostruito la dinamica dell’incidente, mentre Silvestri, che non portava documenti, è stato identificato attraverso la fede nuziale che aveva al dito. Nell’arco di una settimana l’uomo non ha più ripreso conoscenza fino alla morte.

Comments

comments