(red.) il Comitato “Difendiamo le rive dal cemento” – registrato in Comune nel 2011 con petizione di duecentocinquanta firmatari residenti nella zona Rive e Desenzanino il 29 agosto 2017 ha inviato all’Amministrazione comunale, OSSERVAZIONI AL PROGETTO LUNGOLAGO proposto dalla GIUNTA LESO che saranno discusse a breve in Consiglio Comunale per approvazione definitiva.

Il Comitato, ritenendo che nuove strutture invasive e costose siano da valutare anche in funzione della capacità di successiva spesa di gestione e manutenzione propone di SCINDERE IL CONCETTO DI PASSEGGIATA A LAGO (LUNGOLAGO) DAL CONCETTO DI BALNEAZIONE (SPIAGGIA), in modo da diversificare la fruizione stessa del Lago: riservando ai bagnanti un minimo di privacy e distanza dal percorso automezzi (vedi spiagge a Rivoltella) e lasciando per la passeggiata il nuovo Lungolago vista Lago (interdetta a bagnanti più o meno scomposti e chiassosi). Propone, quindi, il POTENZIAMENTO DELLE SPIAGGE NATURALI NELLA SPONDA SUD DEL LAGO per il tratto, già servito da parziali tratti pedonali, che va dal porto Maratona all’Oasi San Francesco.

Il potenziamento degli accessi a Lago, anziché la sola “percorrenza” della costa, secondo le analisi del Comitato: FAVORIREBBE il movimento dall’interno dell’abitato verso il Lago e viceversa, evitando flussi di persone in massa; VALORIZZEREBBE attività commerciali anche non direttamente a Lago, posizionate su percorsi alternativi; PERMETTEREBBE una fruizione in punti diversi con utilizzo di parcheggi in punti disseminati lungo il tratto stradale parallelo all’arenile. AL CONTRARIO, la scelta di favorire un flusso continuo lungo il Lago o le spiagge creerebbe l’effetto “gregge” e la necessità di realizzare grandi parcheggi agli estremi del percorso.

Relativamente al PROGETTO LUNGOLAGO ridimensionato a cura della Giunta Leso, il Comitato ritiene invasivo, a causa dell’eccessivo consumo di costa e bacino lacustre, il progetto che prevede la creazione di una fascia artificiale di spiaggia larga 10 metri che costeggerebbe il Lungolago, ampliato di circa altri 15 metri. Tale “falsa” soluzione ad eventuali richieste di strutture balneari a Lago in realtà allontana il Lago da case, strada e Lungolago, limitandone la vista e non risolve né quantitativamente né qualitativamente la richiesta di spiagge, dal momento che rimarrebbe poco spazio vitale per i bagnanti, poca vista Lago per chi passeggia e poco o nulla per chi percorre il tratto in auto. Il Comitato è comunque FAVOREVOLE all’eliminazione del decadente acquedotto; alla riqualificazione del Lungolago, ma limitando al massimo la cementificazione a Lago; alla riqualificazione delle spiagge Desenzanino e Feltrinelli aggiungendo servizi, ma SENZA ulteriori ampliamenti. In particolare si dichiara CONTRARIO alla realizzazione di una fascia di spiaggia continua che colleghi le Spiagge Desenzanino a Feltrinelli ed eventuale prolungamento verso Vicolo delle Lavandaie.

PROPOSTA VALORIZZAZIONE SPIAGGE NATURALI ESISTENTI

Il Comitato, ben conscio che la richiesta generale di spiagge non debba privilegiare tratti specifici di costa, propone, in alternativa ad una nuova spiaggia artificiale (orientata ad est con direzione sud-nord), la riqualificazione – consistente in sistemazione / arredo / gestione idonea / pulizia – delle numerose spiagge naturali già accessibili da vari varchi e quasi totalmente raccordate da percorso a Lago.  Le spiagge naturali, a parte la Spiaggia del Vo’, sono esclusivamente nel tratto a Lago che va dal porto Maratona fino all’oasi San Francesco a Rivoltella. In questa zona il fondale è più basso e la formazione di spiagge è naturale e non viene erosa dai venti che da nord (Vento Pelér / Tramontana) spingono i sassi verso riva, mentre da est (Vinessa / Scirocco) lambiscono la riva senza erosioni rilevanti. Strutturare una spiaggia risulterebbe dunque in quel tratto meno invasivo e dispendioso, data la minor erosione dei venti e il degrado naturale della riva. Inoltre, vicino a tale fascia a Lago è possibile usufruire di numerosi parcheggi lungo la strada provinciale che unisce Desenzano centro a Rivoltella e sono già predisposti e utilizzati numerosi varchi e accessi a Lago fra le varie proprietà private. Il Comitato sottolinea che il principale problema è sempre stata la “GESTIONE” di spiagge e strutture a Lago, sulla quale va eseguita un’attenta riflessione per evitare ulteriori zone di degrado e bivacco non autorizzato. In tal senso il Comitato suggerisce la sistemazione delle piccole aree a Lago caratterizzandone le specificità e diversificando la gestione dei servizi, piuttosto della creazione di una grande spiaggia; a meno che non venga garantita una gestione altamente professionale e un progetto che tenga conto del ricambio acque della risacca e pulizia costante di rifiuti, anche vegetali, provenienti dal Lago stesso.

RIFLESSIONI CONCLUSIVE

La zona residenziale che va da via Roma al Desenzanino conta centinaia di residenti. Anche in virtù del rispetto degli elettori ci auguriamo che la nuova Amministrazione valuti le nostre osservazioni e ascolti anche l’opinione dei cittadini che puntano a sostenere una migliore qualità della vita (di tutti) e non solo degli operatori commerciali, che, logicamente, hanno soprattutto finalità di lucro.

Spiagge e aree verdi a lago a disposizione degli utenti e, con una buona manutenzione e una campagna di comunicazione (per tutto il sistema spiagge), potrebbero generare ottimi consensi:

Spiagge naturali orientate a nord

  • Area verde e Spiaggia via Lario
  • Area verde e Spiaggia Idroscalo
  • Spiaggia d’Oro
  • Porto e Spiaggia attrezzata di Rivoltella
  • Madonnina della Villa spiaggia e accesso
  • Porto e Spiaggia attrezzata Zattera
  • Spiaggia confine Oasi San Francesco

Spiagge orientate a est

  • Spiaggia Feltrinelli (storica)
  • Spiaggia Desenzanino (artificiale attrezzata)
  • Lega Navale (area verde attrezzata)
  • Spiaggia del Vo’ (parco naturale con chiosco)

Chi siamo

Il Comitato “Difendiamo le rive dal cemento” è nato nel 2005 contro il progetto del Lungolago (progettista Ramella) e si è formalizzato nel 2011 contro il successivo invasivo progetto del Lungolago (progettista Viisconti). Ha partecipato attivamente alla denuncia delle passerelle nel Porto Vecchio di Desenzano (progetto Autorità di Bacino) ed è intervenuto pubblicamente nel dibattito del nuovo progetto del Lungolago ridimensionato della Giunta Leso. Per approfondimenti si rimanda alla pagina fb “DIFENDIAMO LE RIVE DAL CEMENTO”

 COMITATO “DIFENDIAMO LE RIVE DAL CEMENTO”

Comments

comments