(red.) Il 7 agosto muovendosi in moto a Nozza di Vestone, nel bresciano, aveva tamponato un furgone. Poi lo stesso centauro e il conducente dell’altro veicolo si erano fermati per verificare i danni, ma il motociclista era fuggito sulla due ruote. Un testimone che aveva assistito all’incidente ha aiutato l’autista del fiorino ricordando una parte della targa della moto.

Poi ci si era rivolti alla polizia locale della Valsabbia, presente al vicino mercato rionale settimanale, che ha avviato le indagini per rintracciare e identificare il centauro “pirata”. Gli aggiornamenti, di cui dà notizia Vallesabbianews.it, sono arrivati nelle ore precedenti a venerdì 1 settembre con il ritrovamento del motociclista.

Attraverso il numero di targa e le immagini riprese dalle telecamere sul posto, si è arrivati al rider che non si era fermato dopo aver verificato che i danni alla propria moto erano minimi. Ora rischia una multa per non aver dato le proprie generalità dopo l’incidente stradale.

Comments

comments