A Cellatica la luce è troppo cara. Anzi, è carissima. Per la fornitura di corrente di Eni ed Edison il comune ha sborsato 500 mila euro in più del dovuto, per il quinquennio 2012-2017.

La vicenda, infatti, risale a cinque anni fa. nel 2012 l’ente installa dei contatori di misura per dividere in due canali distinti l’illuminazione pubblica e quella privata. Da quel momento, le bollette vengono fatturate due volte.

Alle lamentele dell’Amministrazione, le due società non davano segni di vita. Finché non si è dovuto passare per vie legali. Da quel momento, le aziende hanno risposto ai richiami del comune di Cellatica ed hanno aperto un confronto.

A settembre, ci sarà il dibattimento in tribunale per riuscire a trovare una cifra di risarcimento condivisa da ambo le parti. Se ciò non dovesse succedere, si procederà con la causa.

Comments

comments