La nostra città è una comunità allargata che sa di Resistenza e resilienza. Di fronte ad una strage fascista è stata capace di fare di una piazza, quella della Loggia, il simbolo della lotta della sua gente.

Di fronte allo scempio del territorio, con il motto BASTA VELENI! è riuscita a mettere insieme movimenti e comitati in una delle più grandi manifestazioni unitarie mai effettuate. Di fronte alla paura dello straniero ha saputo mettere in campo pratiche di accoglienza e integrazione che ne fanno una delle province con la più alta percentuale di migranti inseriti nel tessuto sociale.

Di fronte alla guerra come mezzo di soluzione dei conflitti e al traffico di armi ha saputo intrecciare percorsi di non violenza e di pace, dotandosi di un osservatorio permanente per le armi leggere,che non si stanca di denunciare la colpevole ipocrisia dei poteri forti. Di fronte alla crociata contro il gender, al tentativo di seminare odio e paura tra di noi, è riuscita a mettere in campo resistenze creative, competenze e relazioni storiche che hanno costruito narrazioni e immaginari inclusivi.

Ci piacerebbe organizzare un Pride a Brescia che fosse il frutto dell’insieme di queste esperienze condivise. Il desiderio di poter permettere a tutti di essere cittadini a pieni diritti, di poter vivere la complessità delle nostre vite in tutte le sfaccettature, senza il timore di rifiuti o violenze ci ha spinto a osare questo percorso di condivisione.

Ci sembra fondamentale partire sia dalle relazioni costruite sul territorio, anche tramite il Coordinamento Nuove Famiglie Uguali Diritti , sia da quelle a livello nazionale e internazionale. Nel processo comune di autodeterminazione, di sensibilizzazione e formazione su identità e violenza di genere, sessismo, omo-transfobia, nella prospettiva di un pieno riconoscimento istituzionale, ci piacerebbe incrociare realtà ed esperienze diverse con cui progettare e realizzare iniziative diffuse su tutto il territorio provinciale.

Un percorso comune e plurale capace di coinvolgere realtà sociali e commerciali che avrà il suo apice nel mese di giugno con la celebrazione del Pride a Brescia come un significativo momento conclusivo: una festa che faccia del rainbow il simbolo dei tanti colori della nostra città e della nostra provincia.

Comitato Brescia Pride

Comments

comments

2 Commenti

  1. Abbiamo solo una fortuna (per ora) che questi hanno difficoltà a riprodursi, quindi dovrebbero rimanere una minoranza. Ma teniamoli d’occhio perchè potrebbero moltiplicarsi per partenogenesi e allora sarebbero peggio delle nutrie.
    Andrea Breda