(red.) Diana Bacosi e Katiuscia Spada brillano nella gara di Trap del Campionato Internazionale di Trap Femminile, intitolato a Sua Altezza Fatima Bint Mubarak, moglie del fondatore e primo presidente degli Emirati Arabi Uniti e ultimo Emiro di Abu Dhabi. La signora che molto si è battuta e molto ha fatto per i diritti delle donne.

L’olimpionica dello skeet di Rio, 70/75 in qualificazione in finale, con un eccellente 56/60 si è imposta sulla compagna di squadra Katiuscia Spada (72; 54) e la tiratrice dell’Azerbaijan Nurlana Jafarova (66+4; 40/50).

“Prima di tutto sono contenta. – questo il commento a caldo della campionessa olimpica – Una vittoria dà sempre morale, ma sono particolarmente soddisfatta di come ho sparato in finale. Sinceramente nelle prime gare della stagione ho fatto fatica a digerire la nuova formula. Passare da 16 piattelli di finale del precedente quadriennio olimpico ai 60 previsti da ora in poi per poter sperare di vincere c’è bisogno di un modo diverso di approcciarsi alla competizione. Aver fatto solo 4 zeri nel momento cruciale, quando conta sbagliare poco, è il segnale che sono entrato nel clima e nello spirito del percorso che occorrerà fare per essere competitivi per i prossimi anni e, perché no, alla prossima Olimpiade”.

Comments

comments

Nessun commento