Ladri nelle case e al centro sportivo. Giovedì 23 un tavolo tecnico per le soluzioni

(red.) Rovato, nel bresciano, è finito nel mirino dei ladri. Tutti gli episodi si sono verificati tra i quartieri di San Rocco e San Donato, al confine con Cazzago San Martino ed Erbusco e perfino al centro sportivo di via I Maggio dove si trovano campi da tennis, rugby, calcio e piscine. Ne dà notizia il Giornale di Brescia. Uno degli ultimi raid criminali è avvenuto proprio all’impianto. Una banda di malviventi, forse la stessa che ha “operato” anche nelle altre zone del paese, ha rubato portafogli e cellulari dagli spogliatoi degli atleti del rugby Rovato mentre questi si stavano allenando. In più, dal parcheggio antistante hanno portato via l’auto di un allenatore.

Nella zona di San Rocco, invece, i ladri hanno raggiunto un’abitazione arrampicandosi sul balcone. Poi hanno segato la serratura di una porta finestra con un flessibile e si sono fatti strada all’interno. Così hanno potuto portare via gli oggetti di valore che capitavano sotto i loro occhi. Ma la banda è ritornata pochi giorni dopo, in quel caso rubando anche dalla cassaforte che avevano inquadrato nel primo raid.

Episodi simili a quelli successi a San Donato, tutti avvenuti nel tardo pomeriggio, quando il sole inizia a calare e diventa più difficile notare la presenza dei malviventi. Una situazione che sta preoccupando il paese, tanto che per giovedì 23 marzo è stato convocato un tavolo al Foro Boario per decidere le contromisure. Al vertice saranno presenti i delegati del Comune, dei cittadini, delle forze dell’ordine e del controllo di vicinato. Potrebbe emergere la proposta di un gruppo che osservi movimenti strani intorno alle abitazioni.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Sì, certo fate i vertici, e ponetevi la domanda di dove se lo mettono i delinquenti il vostro vertice.
    Provate invece a prenderne qualcuno e appenderlo al ramo più vicino, e vedrete, come per incanto, sparire questo tipo di reato, con bene placida soddisfazione anche dei deficienti che: “la difesa deve essere proporzionata…”