Giovane rumeno arrestato a Darfo. Era ricercato nel Paese straniero dopo condanna

(red.) Martedì 14 febbraio i carabinieri di Darfo Boario Terme hanno messo fine a mesi di latitanza di un 23enne rumeno. Sul giovane pendeva un mandato di arresto internazionale emesso dalle autorità dopo una condanna a due anni di carcere per furto aggravato, percosse e guida senza patente. In seguito alla sentenza che lo avrebbe portato dietro le sbarre in Romania, il 23enne aveva deciso di fuggire rifugiandosi in Valcamonica, nel bresciano.

Martedì il giovane è stato fermato a un posto di blocco quotidiano allestito dai carabinieri che gli hanno chiesto documenti e patente. In quel momento il 23enne ha presentato però la carta identificativa del fratello gemello. Quando i militari, insospettiti, si sono accorti, il giovane è fuggito inseguito dalle forze dell’ordine. Poi ha abbandonato il veicolo ed è scappato a piedi. Ma subito dopo è stato bloccato e condotto in carcere. Le autorità hanno poi informato lo Stato rumeno.

Comments

comments

1 COMMENTO