Tar respinge sospensione chiesta da comune e cittadini. Allargamento Gedit più vicino

(red.) La discarica della ditta Gedit di Calcinato, nel bresciano, che tratta rifiuti non pericolosi, è più vicina all’allargamento. Il Tar di Brescia, infatti, ha respinto il ricorso presentato dal comune e sostenuto dal Comitato Cittadini che sono contrari all’ampliamento. Nel mirino dell’amministrazione e degli abitanti era finita la delibera della Regione Lombardia del 2 novembre in cui si autorizzava la ditta a svolgere i lavori. In pratica, secondo il Pirellone, dal punto di vista ambientale non ci sarebbero stati problemi sulla compatibilità.

Il progetto della Gedit prevede di ampliare le vasche esistenti per trattare nuovi 180 mila metri cubi di rifiuti e un altro bacino per altri 400 mila. Tutto questo, secondo il comune, in una zona che vede già la presenza di altre discariche. Per questo motivo il sindaco Marika Legati e i cittadini avevano impugnato il provvedimento regionale al Tar chiedendo di sospendere gli effetti.

Ma il tribunale di via Zima ha respinto il ricorso, pur non entrando nel merito in vista della discussione più approfondita. Ora dal comune e dai residenti fanno sapere di voler leggere le motivazioni per poi procedere con altre misure per tentare di bloccare l’ampliamento della Gedit. L’indice di pressione ambientale introdotto nel 2014, in questo caso, sembra non aver funzionato come giustificazione per evitare che la discarica si allarghi.

Comments

comments

Nessun commento