(red.) L’imminente fine settimana giunge al termine anche il decennale del Festival delle Stelle del Bresciano. La Dodicesima Notte chiude con questo primo spettacolo: sabato 14 gennaio 2017 alle 20.30, presso la chiesa di San Pier d’Agrino a Bogliaco di Gargnano, si terrà “Stelle, Gelindi, tre Re” alla (ri)scoperta di antichi canti alpini natalizio-epifanici.

Un progetto di Renato Morelli con Cantiere T.T.T. Musiche dal Trentino, Tirolo, Transilvania con i cantori della Stella di Capovalle, Pertica Bassa e la Giovane Stella di Pompegnino. Uno spettacolo che unisce la voce cantata a quella recitata, le esecuzioni live alle immagini storiche, in un avvincente racconto-inchiesta alla (ri)scoperta di antichi canti natalizio-epifanici alpini, legati alle questua della Stella o dei Tre Re”.

Un percorso multimediale a ritroso che, partendo dal ritrovamento in Val dei Mòcheni della seicentesca “Raccolta Michi”, porta nuova luce sull’origine e le fonti di questa tradizione, scavando nelle pieghe della “micro-storia”, per arrivare alla “Grande-Storia” della Riforma luterana, del Concilio di Trento con le sue “Laudi a travestimento spirituale”. Un progetto di teatro-musica, che narra le vicende di una ricerca lunga e “avventurosa”, scorrendo attraverso i canti (sia a cappella sia con accompagnamento strumentale di violino, flauto, fisarmonica e contrabbasso) che vanno dalla tradizione orale contemporanea fino alle laudi del Cinquecento”.

In questo ricco apparato si inseriscono i canti delle Stelle di Capovalle, Pertica Bassa e Pompegnino a raccontare, in una fusione tra la storia del territorio Italiano e quella locale, l’evoluzione dell’antico rito del Canto della Stella che tutt’oggi nel territorio tra la val Sabbia e l’alto Garda continua a svolgersi”.

Comments

comments

Nessun commento