Non dichiara 35 milioni di euro guadagnati in un anno da due società. Denunciato

(red.) Le forze dell’ordine hanno portato a segno un altro arresto nell’ambito di un’operazione condotta dopo un giro milionario di fatture false nel commercio di materiali ferrosi. Così in manette è finito Thomascristian Botoaga Grama, 33enne italiano ma residente a Bucarest, in Romania. L’uomo era in grado di compiere diversi viaggi tra l’est Europa e Brescia per trasportare centinaia di migliaia di euro.

Tanto che nel marzo del 2015 era già stato bloccato al confine tra Italia e Slovenia con più di 145 mila euro in contanti. La Guardia di Finanza di Brescia lo teneva sott’occhio dopo averlo coinvolto in un’inchiesta. Alla fine di novembre, infatti, era stata scoperta un’associazione a delinquere finalizzata a commettere vari reati fiscali con altre quattro persone, tutte finite in manette.

Le accuse vanno dall’emissione e annotazione di fatture fittizie ed occultamento delle scritture contabili, riciclaggio dei proventi illeciti con l’aggravante della transnazionalità. In pratica, le Fiamme Gialle avevano scoperto il sodalizio criminale alla guida del quale c’erano un padre e il figlio. I controlli su di loro avevano portato ad accertare 165 milioni di euro di fatture false e contanti retrocessi per 20 milioni.

Tra loro c’era anche Grama che avrebbe dovuto ricevere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ma era latitante e irraggiungibile in Italia. Poi l’operazione “Transilvania”, che ha riguardato anche Romania, Ungheria e Ucraina, è andata avanti fino al nuovo arresto.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Thomascristian Botoaga Grama……più italiano di così.
    Magari costui è italiano doc, perchè nato da madre italiana, ma per tutti quegli stranieri a cui viene concessa la cittadinanza italiana, è fondamentale modificare la Legge per permettere al magistrato di TOGLIERE la cittadinanza italiana in caso di reati penali.