(red.) Grazie alla collaborazione tra Comune di Brescia, Polizia locale e Aprica, nasce il progetto che vedrà l’entrata in servizio di 16 nuovi ispettori ambientali, per la metà di dicembre. Il loro compito sarà di sostegno ai cittadini, in modo da sensibilizzare e trasmettere tutte le informazioni in merito al nuovo sistema di raccolta differenziata.

Tredici saranno dipendenti di Aprica, mentre tre del Consorzio Brescia Mercati. I nuovi ispettori, che fino al 2 dicembre seguiranno un corso sulla normativa della raccolta differenziata, non potranno sanzionare comportamenti illeciti, ma li segnaleranno alla Polizia locale, fornendo così un importante aiuto. Infatti, dal 2014, quando le sanzioni per smaltimento scorretto sono state 154, nel 2015 sono salite a 1.000 e, ad oggi, nel 2016 si registrano a 600, con multe che vanno dai 130 ai 600 euro.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. A quando gli “ispettori ambientali” per sanzionare A2a che continua ad importare e BRUCIARE nell’inceneritore di Brescia i rifiuti delle altre città italiane???
    Dimenticavo…..A2a è in regola perchè la Legge glielo permette!
    Prima è necessario cambiare la Legge a tutela a vantaggio dei cittadini…..mentre la Legge attuale favorisce solo il PROFITTO e se ne frega della salute di tutti noi.