(red.) Nella notte di mercoledì 22 giugno, intorno alle 2, alla centrale operativa del 112 è arrivata una chiamata per segnalare una ragazza di 19 anni che si era buttata nel fiume Mella a Gardone Valtrompia, nel bresciano. Sul posto erano arrivati i carabinieri e i vigili del fuoco, insieme all’automedica, per verificare cosa fosse successo. Nei pressi di un ponte pedonale, a pochi metri scendendo verso il corso d’acqua, c’era una ragazza con gli abiti bagnati, ma che non presentava ferite.
Tra l’altro il fiume in quel punto non aveva un livello molto alto visto il periodo estivo. Sembra che la giovane abbia voluto tentare il suicido, o più probabilmente un gesto dimostrativo. Forse innescato da una lite in famiglia, magari tra i genitori alle prese con una crisi nel rapporto o nei confronti della figlia. La 19enne è stata trasportata all’ospedale Civile di Brescia, nel reparto di Psichiatria, per essere sottoposta a tutti gli accertamenti. Le indagini dei carabinieri proseguono per capire le motivazioni di quel gesto.

Comments

comments