(red.) Il caso dei piccioni rimasti bloccati nelle reti allestite sotto il viadotto ferroviario di Desenzano del Garda, nel bresciano, ha avuto la ribalta nazionale per opera di un servizio di “Striscia la notizia” andato in onda venerdì 3 giugno su Canale 5. “L’amico degli animali”, come si definisce l’inviato Edoardo Stoppa, è andato sul Garda per verificare la situazione. La vicenda è legata alla moria di piccioni, tra quelli trovati morti e altri agonizzanti o, altri ancora, che non possono mangiare perché bloccati nelle reti. Queste ultime sono state installate con le Ferrovie dello Stato per evitare che sassi e detriti cadano dal viadotto nel momento in cui transitano i treni.
Tenendo anche conto del fatto che sotto il ponte si muovono auto e pedoni. Oltre al disagio di avere centinaia di uccelli morti, si parla di rischi di epidemie e di una vera e propria bomba batteriologica che potrebbe nascere. La battaglia è soprattutto tra il sindaco Rosa Leso e il consigliere comunale della Lega Nord Rino Polloni. Era stato proprio quest’ultimo a segnalare il problema, tanto che il primo cittadino ha dovuto scrivere alle Ferrovie per chiedere di intervenire. La società ha annunciato di avviare la sanificazione, ma intanto i piccioni, vivi e morti, restano ancora bloccati.

Comments

comments