fotogruppo-calcinato-benefattori(red.) Sabato 7 novembre, a Calcinato, si è tenuta l’inaugurazione ufficiale del nuovo nucleo della casa di riposo di Calcinato, che – grazie ai contributi del Fondo Marcello Gabana, della famiglia Cavagna di Calcinato e di molti altri benefattori che hanno dato contribuiti minori – porterà il numero dei posti letto a 103, con nuovi e moderni spazi attrezzati per migliorare la qualità della vita degli ospiti.
La cerimonia, che si è tenuta nel fabbricato adiacente alla struttura di via Salvo D’Acquisto 5, si è aperta alle 10 con i saluti del presidente della Fondazione Luigi Salvoldi, del sindaco di Calcinato Marika Legati e di quello di Montichiari Mario Fraccaro, a seguire la visita al nuovo nucleo (dove è stata anche scoperta la targa dei benefattori) e al soggiorno polifunzionale. Quindi un aperitivo con il sottofondo di alcuni brani di musica classica eseguiti dalla pianista Kamilla Ferrarini.
Il nuovo nucleo sorge in un fabbricato concesso dal Comune di Calcinato alla Fondazione in comodato d’uso per 50 anni. Con l’intervento sono stati realizzati otto nuovi posti letto e un salone polifunzionale climatizzato, con sala riunioni, in grado di favorire l’accoglienza dei familiari e le attività integrative. Dal nucleo si accede a una vasta terrazza attrezzata in cui gli anziani possono riposare e dedicarsi all’orto-terapia.
I posti della casa di riposo di calcinato salgono così a 103 (79 convenzionati con l’Asl, 15 non convenzionati e 9 destinati a ricoveri di sollievo). Mentre gli operatori in servizio (medici, infermieri, fisioterapisti, animatrici, Asa, addetti al servizio amministrativo, ristorazione, lavanderia-guardaroba) sono 84.

Comments

comments