spia binocolo(red.) I rapporti di vicinato sono, spesso, tesi, ma se il condomino utilizza fotocamere, telecamere, lettere (anche minatorie) per tenere sotto controllo il resto dei vicini, segnalando anche alle autorità i presunti comportamenti illeciti, ecco che a passare dalla parte del torto è proprio ” la spia”.
E a finire nei guai è stato un pensionato 81enne di Sirmione, che, venerdì 29 maggio, in tribunale a Brescia, ha patteggiato otto mesi per stalking. Dopo avere subito le pressioni e le minacce dell’anziano per anni, il resto dei condomini ha infine denunciato l’uomo per atti persecutori.
Fra le vittime dei continui “rilievi” sollevati dall’81enne anche un carabiniere che risiede nel complesso di 12 abitazioni realizzate da una cooperativa sociale, il quale, esasperato dagli “attacchi” del pensionato, si è quindi rivolto ad un collega e sono scattate le perquisizioni domiciiliari a casa dell’anziano: sequestrati  rullini, videocassette, nastri e fotografie e strumenti con cui l’auomo aveva documentato, per anni, quelli che, a suo avviso, erano i comportamenti sbagliati dei vicini di casa. L’anzino ha poi cambiato casa, per il sollievo dei vicini.

 

Comments

comments