(red.) In molti si chiedono dove sia finito Anas El Abboubi, ragazzo originario del Marocco ma cresciuto a Vobarno, nel Bresciano, arrestato nel giugno scorso per terrorismo internazionale. Il giovane, non ancora 21enne, era stato scarcerato dopo circa 15 giorni di detenzione, e dai social network aveva continuato a postare frasi che inneggiavano alla Jihad. Dallo scorso gennaio, però, il ragazzo sembra essere scomparso nel nulla. Il suo profilo è stato cancellato da Facebook e il padre, nei mesi scorsi, aveva detto che si trovava in Siria.
Ricordiamo che il ragazzo, che frequentava la scuola Bottega, secondo la Digos di Brescia stava organizzando qualche atto ai danni di obbiettivi sensibili. Stava studiando la stazione di Brescia e il cavalcavia Kennedy e piazza Duomo. Oltretutto sul suo computer erano stati trovati testi in arabo con video che spiegavano come costruire armi e ordigni. Il tribunale del Riesame lo aveva, però, scarcerato perchè non vi erano prove  concrete che stesse organizzando attività sovversive o potenzialmente pericolose.

Comments

comments

11 Commenti

  1. Questo tizio è pericoloso e va messo in condizione di non nuocere…….ma è ridicolo pretendere che nessun musulmano ti pesti i piedi se tu vendi allegramente armi ai suoi nemici.
    Pure coloro che hanno avallato la vendita di armi ai Curdi sono pericolosi, e andrebbero messi in condizione di non nuocere.

    • “va messo in condizione di non nuocere”

      Per quanto ne sappiamo, potrebbero aver già provveduto

      Sulla vendita delle armi ai curdi, sappiamo che voi illuminati preferireste trattare con la controparte, l’ambasciatore iracheno si è detto disponibile a fornire i visti

  2. Amici (si fa per dire…) listaroli fate pure gli spiritosi…Okkio che questi tagliagole (termine improprio? non credo…) hanno il cervello ( bisognerebbe verificare la volumetria) obnubilato (sapete cosa vuol dire vero ?) dall’ideologia….
    Quindi…. teniamoli d’okkio !

  3. Ieri notte mentre ballavo sotto Una tenda colma di genre meticcia,mi pare di aver incrociato uno sguardo truce,simile a quello del fuggitivo. Ho vinto la paura e l ho affrontato armato di un cavatappi,l energumeró é riuscito a fuggire nel buio. Spero che un qualche drone lo stia cercando