Maxi risarcimento per i precari della scuola

Pubblicato il 4 marzo 2013
Tag:, , , ,
Puoi seguire tutte le repliche attraverso il nostro RSS 2.0.

(red.) Da Trapani una decisione che potrebbe avere effetti importanti anche per migliaia di precari della provincia di Brescia.
Il giudice del lavoro Mario Petrusa ha condannato il Ministero dell’istruzione a risarcire due insegnanti precari per 150 e 170mila euro. Motivo? La mancata assunzione in ruolo dopo anni di supplenze. Petrusa ha applicato una disposizione comunitaria, recepita nell’ordinamento italiano, che vieta di assumere a tempo determinato senza limiti di tempo.  Da parte del ministero di via Trastevere, dunque, si configura un abuso del contratto senza valide motivazioni. Una decisione che potrebbe avere conseguenze economiche importanti per il Miur: se i 10mila supplenti che, in passato, hanno ottenuto l’incarico fino al 31 agosto, trascinassero il tribunale il Ministero, si potrebbe arrivare al risarcimento record di 1miliardo e mezzo di euro.

 

Segnala questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati

Devi autenticarti per poter commentare Login

AGENDA EVENTI

VI SEGNALIAMO

Bragaglio: “Primarie per limitare l’effetto Grillo”

Claudio-BragaglioAlla luce dei risultati nazionali, il consigliere comunale Pd rilancia l'ipotesi di far scegliere ai ...

Via Corsica, nuova vita nell’Hotel Fornaci

sfratto_picchettoL'immobile era stato occupato a febbraio dagli attivisti ed è diventato un centro per l'emergenza ...

Post srl, via C.Bonardi 23, 25049 Iseo (Brescia) - P.Iva 03533420174, ufficiocentrale@quibrescia.it fax 030-5106888

 

Progetto e sviluppo informatico a cura di Tetragono.com Servizi Informatici & Marketing