Piazza Vittoria, Del Bono: “Prova di incompetenza”

Pubblicato il 23 febbraio 2013

Puoi seguire tutte le repliche attraverso il nostro RSS 2.0.

(red.) “Il Rifacimento di piazza Vittoria? L’ennesimo esempio di incompetenza della giunta Paroli”.
Così il capogruppo del Pd in Loggia e candidato sindaco alle amministrative di Brescia, Emilio Del Bono, commenta l’operazione di riqualifica della piazza bresciana. Un rifacimento costoso, visto che il Comune spenderà 5milioni di euro (3milioni per il rifacimento, 1milione per il primo livello del parcheggio e 700mila euro per le opere complementari della stazione metro di via Verdi), che consegna alla città uno spazio inutilizzabile a causa della scelta del Bigio, che sarà collocato, per altro, a pochi metri dalle pietre d’inciampo dedicate alle vittime del nazi-fascismo.Tra il basamento e le grate di aerazione del parcheggio sotterraneo, che non saranno eliminate per questione di costi, e lo spazio del monumento fascista, la piazza non potrà essere usata per eventi di alcun genere. “Al costo per la ristrutturazione parziale della piazza”, ha aggiunto Del Bono, “si devono aggiungere anche i 460mila euro per il Bigio. In totale altri 5milioni 160mila euro sprecati dall’attuale amministrazione”.

Segnala questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati

12 risposte per “Piazza Vittoria, Del Bono: “Prova di incompetenza””

  1. Curioso scrive:

    ..Direi che la ricollocazione del Bigio può essere letta come un voler dare alla storia “una nuova chiave di lettura”. Ma se volessimo cancellare le tracce del fascismo da quel sito, dovremmo radere al suolo l’intera piazza…altro che riqualificazione…E se invece vivessimo fottendocene dei vecchi simboli? Piuttosto stare attenti a non ricadere negli errori del passato..

  2. francotogni scrive:

    questi del centrodestra stanno buttando i nostri soldi dalla finestra.
    spero non verranno riconfermati alle prossime elezioni comunali…dopo tutte le porcherie che hanno commesso.

  3. calza scrive:

    del bono non perde occasione per mostrare di che basso profilo politico è perdendosi in queste polemiche del piffero. Rifare una piazza costa comunque e forse sarà l’ nuca cosa che faranno Paroli etc. Potrai essere d’ accordo o meno sul lato estetico ma magari andrei sulla stampa con mie proposte non con critiche così banali. Per quanto riguarda Bigio, mah. Tutto sommato è un pezzo di storia e non mi sembra che abbia il fez o il fascio in mano.

  4. cubanoblanco1 scrive:

    la solita polemica inutile e strumentale
    buona solo per esercizi intellettuali

    Buon Voto a tutti

  5. grilloparlante scrive:

    E figuriamoci se questo “pierino sapientino” un giorno prima delle elezioni non faceva il suo pistolotto con relativa e precipitosa … pubblicazione !

  6. IbnHuitzilopActli scrive:

    Lo metteranno.
    Lo toglieranno.
    E noi….. Lì.

  7. antonio santelli scrive:

    …“le grate di aerazione del parcheggio sotterraneo, che non saranno eliminate per questione di costi”…
    Il senso è che eliminarle costava troppo poco? Era, da solo, un intervento che avrebbe cambiato il volto della piazza, ora ridotta ad un rondò-parcheggio. A fronte di cinque milioni spesi, non capisco che significhi “questione di costi”.

  8. schmidl60 scrive:

    Di nostri ci sono certamente i soldi spesi anche in questo caso senza quell’ attenzione che meriterebbero i tempi di magra. Di loro certamente l’indole talebana di voler riempire di simbolismi la città rimuovendo quelli della precedente amministrazione, certo che se volevano lasciare un segno indelebile del loro ( spero fugace passaggio) bastavano i danni fatti al bilancio del comune, ai servizi al cittadino, alla coesione sociale di questa comunità e magari le valutazioni di chi dovrebbe controllare le ragioni della ” faciloneria” nella spesa

  9. paolomori scrive:

    Non so se Corsini volesse il ritorno del Bigio.
    A me non risulta, comunque è una stupidata: e’ una statua brutta, dedicata alla “potenza fascista” e serve solo a rovinare una piazza “marcata” ma degna di cura.
    Ancora una volta l’ideologia ha accecato la maggioranza uscente di BS: incompetenti, scioccamente “nostalgici, incapaci e anche senza gusto!

  10. Curioso scrive:

    Anche Corsini voleva il ritorno del Bigio. Quindi di che stiamo parlando…? del fatto che maquillage alla piazza NON l’hanno fatta i vostri “amici”.

Devi autenticarti per poter commentare Login

AGENDA EVENTI

Brescia, Alfa Acciai: lavoratori a rischio?

alfa acciaiA breve scadrà il quarto contratto di solidarietà per 170 dipendenti. L'azienda avrebbe un piano ...

Urne aperte, si vota sotto la neve

Regionali_elezioniIn città, come in tutta Italia, i seggi chiudono alle 22. Resta però la preoccupazione ...

Post srl, via C.Bonardi 23, 25049 Iseo (Brescia) - P.Iva 03533420174, ufficiocentrale@quibrescia.it fax 030-5106888

 

Progetto e sviluppo informatico a cura di Tetragono.com Servizi Informatici & Marketing