(red.) Cinquanta giovani bresciani firmano l’appello a votare il bresciano Giambattista Ferrari (Pd) alle elezioni regionali di domenica e lunedì.
“Quelli che vogliamo lasciarci alle spalle sono anni difficili e bui, in cui la politica è stata svilita, umiliata, trascinata ad uno dei livelli più bassi della Storia del nostro Paese. Come giovani che credono ancora fortemente nella politica, in un periodo in cui sembra molto più facile rinnegarla, non vogliamo rassegnarci a questa situazione, non vogliamo abituarci all’equazione politici = ladri. I politici”, si legge nell’appello, “non sono tutti uguali, non sono tutti ladri o corrotti, non sono tutti mafiosi. Per ogni politico che tende la mano alla mafia ce ne sono altri che, in silenzio e lontano dai riflettori, quella mafia la combattono ogni giorno, rischiando anche la vita. E noi possiamo fare la nostra piccola parte nel decidere quali di questi politici vogliamo nella nostra Regione”.
Tra i motivi per cui i cinquanta ragazzi hanno scelto di sostenere Ferrari ci sono l’onestà e la sobrietà (150 euro  di rimborsi spese richiesti in due anni – uno dei pochissimi consiglieri regionali neppure indagati). “Scriveremo Ferrari perché Gianbattista ha dimostrato sempre, nella sua esperienza politica, di essere capace di grande autonomia e libertà di pensiero, qualità rare e proprie di chi crede fermamente nelle idee che porta avanti”.

Comments

comments

Nessun commento