(red.) Il titolo, lo ammettiamo, non è certo raffinato, ma coglie nel segno. Il prodotto da pubblicizzare, del resto, è proprio quello e la non sottile allusione è talmente dichiarata da perdere, proprio per questa sua evidenza, anche l’eccesso di volgarità.
Stiamo parlando del concorso “Miss Patata”, una campagna di marketing di una nota azienda che produce snacks e che è alla ricerca del nuovo volto per la pubblicità.
Diverse  le selezioni delle candidate che si giocheranno il “titolo” nella finalissima in programma al “Coco beach” del Lido di Lonato, nel Bresciano, sabato 16 giugno.
Presidente di giuria (e poteva essere diversamente?) il re degli attorni porno italiani, il “mitico” Rocco Siffredi che, nelle vesti di un seduttore da piscina, aveva già interpretato la reclame del prodotto. Spot memorabile che conteneva una massiccia dose di doppi sensi e “raffinate” allusioni, che valsero la censura dopo la messa in onda.
La vincitrice del concorso (30 le finaliste scelte in tutta Italia) diventerà la nuova testimonial pubblicitaria delle patatine per un marchio dell´alto Mantovano, sponsor e organizzatore del concorso.

 

Comments

comments

Condividi

15 Commenti

      • .
        .
        Lungi da me essere un bacchettone. Tra l’altro sono anche consumatore dei prodotti della ditta in oggetto.

        Credo però si possa, senza problemi, parlare ancora di decenza. O no?

        Ma sab70, se per assurdo qualcuno dicesse che tua sorella (o tua figlia o tua moglie) è “la miglior patata in zona”, saresti contento, indifferente o ti spiacerebbe?

        Perchè se qualcuno dicesse che mia sorella, mia figlia, mia moglie, la vicina di casa “è davvero un gran bella ragazza”, probabilmente sarei contento (il buon gusto). Se dicesse che è la miglior patata in zona, forse non sarei così contento (il cattivo gusto).

        Il tutto senza essere moralisti, bigotti, bacchettoni: non è quello il punto.

          • .
            .
            Secondo me la enorme diffusione del cattivo gusto non costituisce ragione sufficiente per minimizzare. Anzi, se mai è vero il contrario.

            Comunque, per non sbagliare, spengo subito il lanternino.

      • E’un umile parere personale sulla comunicazione: volgare e di cattivo gusto il pay off, volgare e di cattivo gusto il format, volgare e di cattivo gusto il tipo di messaggio complessivo. Lo so, poi ci sono price, product, place e magari personal selling giusto per restare alle P di…casa Kotler.

  1. squallide? mah!? Se per far vedere 2 gambe davanti ad una giuria, c’è la possibilità poi di diventare una testimonial, quindi guadagnare, che male c’è? Sai quante fan di peggio chiuse in un camerino e magari sono le stesse attrici che oggi tu ammiri?

    Gli organizzatori, vivono, crescono e campano grazie al fatturato…le aziende non stanno in piedi con l’aria, però se tu hai di meglio per creare utile, esponici la tua idea!

    • l’alternativa è non produrre per gli utili, ma per soddisfare i bisogni delle persone. la produzione per il profitto sta inceppando il progresso umano, oltre a rendere sempre più degradati i rapporti umani….

      • ah, quindi tutte le aziende private le trasformiamo in Onlus? E gli imprenditori che hanno messo firme in banca come fidejusioni che facciamo? E se producendo di meno, sicuramente si ha bisogno di meno personale e si licenzia qualcuno, va bene ancora?

        • Per sua informazione … io lavoro da sempre per le Onlus e anche loro firmano le fidejussioni in banca. Inoltre – quelle per cui lavoro io – danno attualmente lavoro a 120 persone (di cui almeno 40 disabili) e dall’inizio della crisi abbiamo stretto i denti ma abbiamo cercato di licenziare il meno possibile.
          Lasci quindi perdere le Onlus (che evidentemente non conosce) perchè le donne che ci lavorano (ma nemmeno gli uomini) abbassano le loro aspettative fino a desiderare il titolo di “Miss Patata”:
          Se permette abbiamo altri valori e altri obiettivi.

  2. In quanto donna non so se ridere, piangere o vomitare …
    Come sempre, a fare schifo non sono tanto gli organizzatori, che rispondono solo alle logiche del marketing …ma le ragazze che si presenteranno al concorso!
    Squallide e prive di dignità

    • OC, capisco che questo non sarà un evento di grande spessore culturale, però se proprio vuole vomitare e vedere la dignità fatta a pezzi, non è necessario tirare in ballo i concorsi di bellezza (da Miss Italia in giù fino a questi), è sufficiente che accenda la TV e guardi i vari “reality”, nessuno escluso.

      • VOMITARE PERCHè IN TV CI SONO I REALITY. Caro Oscar, guarda che quelli, i reality, in fin dei conti non decidono o fanno parte della nostra vita, a differenza di quei “PARIA” di governanti che ci amministrano in lungo e in largo, che, in tutti in questi anni DESTRA SINISTRA CENTRO BASSO E ALTO hanno affondato le speranze di tutti i giovani di avere un futuro. QUELLO SI CHE FA VOMITARE, non certo uno che con l’uso della sua MAZZA senza chiedere nulla a nessuno a dato “PIACERE” a tante femminucce.