(red.) “No” al maxi macello che l’azienda “Hamburger Pini” (uno dei maggiori produttori italiani di carne) ha presentato a Manerbio per la realizzazione di un impianto di macellazione da 12.000 capi al giorno di suini.
Il comitato che si oppone alla costruzione dell’azienda ha indetto per venerdì 16 marzo dalle 15 un presidio davanti alla sede della Provincia di Brescia in via Milano, per protestare contro “la sofferenza e la morte di un assurdo numero di maiali che ogni settimana verranno spinti a calci verso la morte atroce che li aspetta”,  ma anche contro “la costruzione del mega-macello comporta anche complicazioni di natura ambientale, a partire dall’ingente aumento del traffico di tir che dovranno raggiungere il macello ogni giorno, per arrivare all’enorme spreco d’acqua necessario al trattamento delle deiezioni e degli scarti del procedimento di lavorazione della carne”.
Il progetto è attualmente ancora in attesa dell’approvazione della Broletto, che ha il compito di valutarne la regolarità. Proprio in questa fase gli attivisti sottolineano la necessità di “far sentire la nostra voce adesso, in difesa dell’ambiente da un ennesimo esempio di voracità economica, come sempre a discapito della vita e del benessere di animali umani e non umani. Per un diverso rapporto tra uomo e natura, fuori dalle logiche dello sfruttamento in nome del profitto”.

Condividi

Nessun commento