strada1.jpgVia libera dell'Anas ai lavori per i 15 chilometri di statale 42 tra Nadro e Berzo Demo.


(red.) Il consiglio di amministrazione dell'Anas, riunito giovedì pomeriggio a Roma, ha approvato il progetto esecutivo definitivo per i 15 chilometri dei lotti quinto e sesto tra Nadro e Berzo Demo della Statale 42 della Valcamonica.
Secondo l’azienda delle strade, ai primi dell’anno prossimo si potrà procedere alla consegna dei lavori alle ditte appaltatrici che provvederanno a riaprire i cantieri. Con l’esecuzione del tratto di strada compreso tra Nadro di Ceto e Berzo Demo, che bypassa Capodiponte, Scianica di Sellero e Cedegolo, si completa un’opera che tutti i camuni aspettavano da anni e l’alta valle si avvicinerà un po’ di più a Brescia.
l’Anas ha già garantito i fondi necessari per il completamento dei cantieri, circa 200 milioni (contro i 132 stanziati). L’aumento dei costi è stato provocato soprattutto dai nuovi svincoli di Capo di Ponte Sud e Berzo Demo e dalla variante di Nadro: qui la Sovrintendenza – per difendere l’area archeologica – ha infatti imposto una galleria di 1.850 metri anziché quella prevista di soli 850.
L’ultimo tratto realizzato della statale 42, quello lungo 7 chilometri e 400 metri che supera i centri abitati di Niardo, Braone, Ceto e arriva a Nadro, è stato inaugurato il 14 settembre del 2005. Da allora tutto era fermo.

Comments

comments