Sono due 35enni residenti in provincia le persone coinvolte nell'operazione Max.


(red.) Sono due i bresciani coinvolti nella maxi operazione , denominata Max, contro la diffusione della pedofilia su internet (leggi l'articolo) che ha coinvolto 51 cittadini italiani e oltre 2.500 europei. Si tratta di due 35enne, il primo è residente a Mazzano, mentre il secondo abita a Roncadelle. La Polizia Postale ha controllato e sequestrato i pc dei due, mentre una serie di controlli sono stati fatti anche sui computer che gli indagati utilizzavano sul posto di lavoro. L'indagine è scattata dopo che era stato messo on-line, su un server tedesco, il filmato di una bimba che subiva degli abusi

Comments

comments