Presa di mira la filiale del Banco di Brescia. Il boittino è di 17mila euro.



(red.) La
scena è stata quella classica dei film polizieschi: due malviventi che entrano
in banca e gridano a tutti i presenti di stendersi a terra. L’unica differenza
è l’arma brandita, un semplice taglierino al posto dei grossi revolver
americani. E’ quanto accaduto ieri in via Veneto, nella filiale del banco di
Brescia. I due malviventi, dal marcato accento tipico dell’Est Europa, secondo
i testimoni, sono entrati normalmente dalla bussola, celando nelle tasche le
armi contundenti invisibili al metal detector perché ricoperte di plastica. Con
il volto semi coperto da occhiali da sole, ed un cappellino calato sulla
fronte, i due hanno quindi intimato ai presenti di stendersi a terra, e
scavalcando il bancone hanno provveduto a vuotare le casse dell’istituto di
credito. Poi sono fuggiti a piedi, con in tasca un bottino che si aggira
attorno ai 17mila euro. Il colpo è stato naturalmente filmato per intero dalle
telecamere a circuito chiuso della banca, e le immagini ora sono al vaglio
degli inquirenti.

Comments

comments